Inaugurata nel 1778 e costruita per volere dell’allora Re Carlo III, la Puerta de Alcalá è uno dei monumenti simbolo di Madrid e una delle cinque porte della città, insieme alle porte di Toledo, Segovia, Bilbao e Atocha. Il suo nome è dovuto al fatto che la via nella quale si trova collegava Madrid alla cittadina di Alcalá de Henares.




La porta in sé simboleggia l’ingresso di Carlo III nella città di Madrid avvenuto nel 1759. In quell’occasione, Carlo, al quale non piacque la precedente porta, decise di demolire la vecchia e di costruirne una nuova. Lo stile della nuova Puerta de Alcalá è lo stile neoclassico e la sua sommità è impreziosita da quattro sculture in pietra calcarea che rappresentano le quattro virtù cardinali: Prudenza, Giustizia, Temperanza e Fortezza.

Particolarità di questa porta è che i due lati sono differenti. Infatti, il progetto originario prevedeva due differenti soluzioni: la prima prevedeva dei pilastri, mentre l’altra delle colonne addossate. Alla fine, decisero per fondere insieme i due progetti, pertanto ognuna delle due facciate è differente dall’altra.